Vernazza il borgo antico

Coltivazioni a VernazzaVino e olio a Vernazza

Nonostante una morfologia territoriale tormentata; il clima mite, l'influsso del mare e la protezione di colline e montagne, permettono a Vernazza la coltivazione della vite e degli olivi, grazie anche ad un'opera di terrazzamento millenaria con chilometri e chilometri di muretti a secco.
Il vino delle Cinque Terre ha ottenuto dal 1973 la denominazione di origine controllata (Doc) e deve essere coltivato nei territori del comune di Riomaggiore, Vernazza, Monterosso e le colline di La Spezia e Portovenere confinanti con Riomaggiore.
Rinomati sono: il vino Cinque Terre Bianco, il Cinque Terre Costa de Sera, il Cinque Terre Costa de Posa, il Cinque Terre Costa de Campu, oltre al famosissimo e più introvabile Cinque Terre Schiacchetrà di origine millenaria, vino passito prodotto da uve raccolte e messe ad essiccare su appositi graticci situati all'ombra e con buona ventilazione.

L'olio prodotto in queste zone deriva da impianti di oliveti che hanno origine già nel medioevo, il cui frutto, l'oliva viene raccolto per battitura manuale o per naturale movimento del vento, con apposite reti poste sotto gli alberi per evitare il ruzzolamento a valle e la perdita dei medesimi.
L'olio extravergine, in Liguria è alla base di molti alimenti, come ad esempio il pesto, a base di basilico, olio purissimo, pinoli, maggiorana e formaggio grattugiato.
Questo prodotto è raccolto a fatica e ciò ne giustifica il prezzo, tenendo conto anche delle peculiarità nutritive e curative del medesimo.
L'olio è alla base della dieta Mediterranea, previene le malattie cardiache, aiuta il fegato ed abbassa il livello di colesterolo nel sangue ed è un ottimo deterrente per l'obesità.